Unire, Partecipare, Collaborare.
IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER OGNI FARMACISTA VENETO

LOGIN UTENTI

ULTIME NOTIZIE

28/04/2021

COVID. OK REGIONE VENETO A PROTOCOLLO PER VACCINAZIONI IN FARMACIA. SI POTRANNO INOCULARE 381.000 DOSI

> Dettagli

25/04/2021

LETTERA AI VENETI DEL PRESIDENTE ZAIA IN VISTA DELL'APPLICAZIONE DELLE NUOVE REGOLE RISPETTO AL COVID-19

> Dettagli

15/04/2021

DIGITALIZZATA IN VENETO L'EROGAZIONE DEGLI ALIMENTI PER CELIACI. ASSESSORE LANZARIN, "NELL'OTTICA DI SEMPLIFICARE I SERVIZI, L'ACQUISTO CON LA TESSERA SANITARIA ELETTRONICA"

> Dettagli

26/03/2021

COVID. IN VENETO PARTE CAMPAGNA INFORMATIVA SUI VACCINI. UN "SUPEREROE" INTERVISTA I VERI ESPERTI.

> Dettagli

> ARCHIVIO NOTIZIE

Logo Regione Veneto Logo Federfarma Italia Logo del Ministero della Salute Logo dell' Agenzia Italiana del Farmaco

> FILO DIRETTO COL LE ASSOCIAZIONI PROVINCIALI > FEDERFARMA VERONA: PROGETTO PSICOLOGO IN FARMACIA

21/11/2012
Federfarma Verona: progetto Psicologo in farmacia

Sedute gratuite da 30 minuti ciascuna con uno psicologo, che effettua un servizio di sportello, e assistenza neuropsicologica. Questo al centro del progetto Psicologo in farmacia realizzato da Federfarma Verona, in collaborazione con AttivaMente Verona, che è partito in via sperimentale in sette farmacie della provincia il 21 novembre e durerà fino al 3 dicembre.

«Durante la prima giornata abbiamo registrato un forte interesse dell'utenza e soddisfazione da parte delle psicologhe» spiega Annamaria Caobelli, responsabile farmacie rurali di Federfarma Verona. «Le persone che hanno usufruito del servizio hanno compreso che quello aperto in farmacia è uno sportello, ovvero l'opportunità di essere indirizzati, dopo l'esposizione delle specifiche problematiche, verso la giusta strada per ricevere un aiuto concreto e professionale. La presenza in farmacia di figure sanitarie competenti è necessaria per offrire consigli mirati che le persone, in questo caso in difficoltà, acquisiscono in un ambiente protetto e familiare, quale appunto la farmacia».

Le sedute sono riservate ai maggiorenni e hanno l'obiettivo di «aiutare il paziente nella scelta del miglior percorso volto alla soluzione del disagio, che comprende anche l'eventuale indicazione verso lo specialista, gli enti o le strutture più idonee».

Tra i destinatari persone con disturbi dell'umore e del comportamento, con problemi da abuso di sostanze, patologie degenerative, a lungo decorso o invalidanti, anziani con piccoli disturbi di memoria o depressione, ma anche i familiari.