Unire, Partecipare, Collaborare.
IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER OGNI FARMACISTA VENETO

LOGIN UTENTI

ULTIME NOTIZIE

19/11/2019

VIOLENZA CONTRO LE DONNE: LANZARIN PRESENTA NUOVA CAMPAGNA REGIONALE "NON SEI SOLA" – RETE DI 44 STRUTTURE, UN CENTRO OGNI 53 MILA DONNE, 12 MILIONI SPESI IN 10 ANNI, FORMATI 3363 OPERATORI DI PRONTO SOCCORSO.

> Dettagli

13/11/2019

EMERGENZA MALTEMPO, A VENEZIA SERVIZI MINIMI ASSICURATI DALLE FARMACIE.

> Dettagli

10/11/2019

PAZIENTI CRONICI: IN FARMACIA UN SUPPORTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE L'ADERENZA ALLA TERAPIA.

> Dettagli

30/10/2019

INFLUENZA 2019-2020. CAMPAGNA VACCINALE IN VENETO PARTE TRA IL 5 E L'11 NOVEMBRE. COMPRATE 864.000 DOSI. GRATIS A 10 CATEGORIE DI PERSONE. LANZARIN, "VACCINARSI EVITA SOFFERENZA E DECESSI"

> Dettagli

> ARCHIVIO NOTIZIE

Logo Regione Veneto Logo Federfarma Italia Logo del Ministero della Salute Logo dell' Agenzia Italiana del Farmaco

PAZIENTI CRONICI: IN FARMACIA UN SUPPORTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE L'ADERENZA ALLA TERAPIA.

Il progetto regionale per la presa in carico dei pazienti cronici è stato al centro del recente convegno svoltosi a Vicenza, organizzato da Motore Sanità con la partecipazione dell’Assessore alla Sanità e ai Servizi Socio-Sanitari Manuela Lanzarin

Oggi la percentuale di malati che segue correttamente la terapia è pari solo al 60% nei soggetti diabetici e addirittura al 18% per i malati di broncopneumopatia cronica ostruttiva: sono numeri allarmanti quelli emersi in occasione del recente convegno “Highway diabets, il paziente al centro?”, organizzato a Vicenza da Motore Sanità con la presenza dell’Assessore Regionale alla Sanità e ai Servizi Socio-Sanitari Manuela Lanzarin. Numeri contro i quali la Regione Veneto e Federfarma hanno messo in campo un progetto innovativo - avviato all’inizio di quest’anno - che vede le farmacie coinvolte attivamente per migliorare l’aderenza dei malati alle terapie prescritte. Questo partendo dall’idea che le farmacie possono essere delle fondamentali “sentinelle” su questo tema. Non solo, possono essere anche un interlocutore autorevole e allo stesso tempo amichevole, vicino a casa e sempre accessibile, per i malati che magari hanno difficoltà a seguire le prescrizioni.

Beneficiari del progetto sono proprio i soggetti diabetici (di età pari o superiore a 18 anni) e i pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (con almeno 45 anni). I pazienti vengono suddivisi in tre tipologie, in base al livello di aderenza alla terapia, calcolato sul numero di farmaci ritirati rispetto al fabbisogno teorico per la loro patologia: quelli che mostrano difficoltà nel seguire la terapia vengono “presi in carico” direttamente dalla farmacia di fiducia, con una serie di attività volte ad aiutarli a seguire con maggiore efficacia e continuità le prescrizioni.

Un approccio per certi versi rivoluzionario e allo stesso modo concreto, dunque. A fare il punto sullo stato di avanzamento è il dott. Alberto Fontanesi, presidente di Federfarma Veneto: «Ad oggi già il 48% delle farmacie venete ha seguito il corso di formazione propedeutico e i primi riscontri che stiamo rilevando appaiono sicuramente positivi. Il nostro compito naturalmente non è, e non sarà mai, quello di sostituirci al medico di medicina generale ed allo specialista, che rimangono le principali figure di riferimento per la salute del cittadino: semmai il nostro ruolo è di supporto al loro lavoro, sensibilizzando il paziente sull’importanza di seguire la prescrizione fatta dal medico».

Proprio la piena sintonia tra i vari soggetti chiamati a intervenire nel percorso assistenziale è un punto fondamentale del progetto: «I farmacisti - prosegue Fontanesi - seguono scrupolosamente il protocollo definito dalla Regione Veneto, in un’ottica di collaborazione con i medici che in futuro potrà rafforzarsi ulteriormente, grazie anche alle moderne tecnologie telematiche che potrebbero consentire di lavorare sempre più in rete, come già avviene ad esempio per la ricetta elettronica dematerializzata». Sull’importanza di fare squadra per la salute dei pazienti si sofferma anche il dott. Silvio Roberto Regis, Segretario Generale Provinciale di F.I.M.M.G VICENZA: «Da sempre tra i Medici di Medicina Generale e i farmacisti territoriali esiste un importante rapporto di collaborazione e con l’affermarsi sempre di più del concetto di farmacia dei servizi auspichiamo che sia possibile migliorare ulteriormente tale collaborazione, con il fine ultimo di potenziare l’assistenza sanitaria ai cittadini della Regione Veneto».

> Scrivi al Presidente di Federfarma Veneto