Unire, Partecipare, Collaborare.
IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER OGNI FARMACISTA VENETO

LOGIN UTENTI

ULTIME NOTIZIE

07/02/2022

XXII GIORNATA DI RACCOLTA DEL FARMACO. DA DOMANI AL 14 FEBBRAIO IN 512 FARMACIE DEL VENETO. ZAIA E LANZARIN, SONO FARMACI CHE CURERANNO PERSONE PARTICOLARMENTE SFORTUNATE

> Dettagli

24/01/2022

COVID. I TEST EFFETTUABILI DA OGGI IN FARMACIA GRATUITAMENTE E NOTA INVIATA DALLA REGIONE VENETO ALLE ASSOCIAZIONI DELLE FARMACIE

> Dettagli

22/01/2022

COVID. LUNEDI' 24 GENNAIO AL VIA L'ATTIVAZIONE DELLA "PIATTAFORMA REGIONALE COVID-19" DEDICATA AI SOGGETTI POSITIVI.

> Dettagli

12/11/2021

COVID. VENETO. RAPPORTI AGGIORNATI SU VACCINAZIONI E CASI-RICOVERI. ZAIA, "SIAMO ANCORA IN PANDEMIA, NON ABBASSARE LA GUARDIA. SIAMO ANCORA LONTANI DALLA ZONA GIALLA, MA SENZA VACCINI E RISPETTO DELLE REGOLE NON LA POSSIAMO ESCLUDERE IN FUTURO".

> Dettagli

> ARCHIVIO NOTIZIE

Logo Regione Veneto Logo Federfarma Italia Logo del Ministero della Salute Logo dell' Agenzia Italiana del Farmaco

> I NOSTRI PROGETTI > PROGETTO REGIONALE VENETO PER IL MIGLIORAMENTO DELL’ADERENZA ALLA TERAPIA DEL PAZIENTE CRONICO ATTRAVERSO LE FARMACIE TERRITORIALI

01/04/2019
PROGETTO REGIONALE VENETO PER IL MIGLIORAMENTO DELL’ADERENZA ALLA TERAPIA DEL PAZIENTE CRONICO ATTRAVERSO LE FARMACIE TERRITORIALI

Il progetto regionale per il miglioramento dell’aderenza alla terapia del paziente cronico nasce con l’obiettivo di mettere sotto governance le terapie della cronicità – innanzitutto Bpco e diabete – attraverso la presa in carico in farmacia dell’assistito “non aderente”.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha identificato l’aderenza alla terapia come uno dei pilastri fondamentali per la prevenzione della mortalità e per il contenimento dei costi dei sistemi sanitari; la stessa attenzione richiede la non-aderenza, distinta in volontaria e involontaria.
Numerosi sono i fattori che contribuiscono alla non-aderenza:

  • Fattori legati al paziente: dimenticanza, negazione della malattia, credo religioso, scarsa
  • comprensione della terapia.
  • Fattori legati alla condizione clinica: sintomi non evidenti o molto lievi o addirittura molto severi, stato confusionale.
  • Fattori legati al trattamento terapeutico: preparazione difficoltosa, regime complesso, frequenza elevata di assunzione, effetti collaterali numerosi.

Il progetto regionale si colloca nell’ambito della cd. “Farmacia dei servizi”: con la Delibera di Giunta n. 279 del 14/03/2017 la Regione Veneto ha gettato le basi per una strutturazione della Farmacia dei Servizi nella sua versione più evoluta, quella che non eroga soltanto CUP o autoanalisi ma assicura anche la presa in carico del paziente fragile o complesso e, promuovendo l’aderenza alle terapie, fa prevenzione e farmacovigilanza.

Il progetto regionale è stato strutturato in due parti:
1. una prima parte (propedeutica alla seconda) di formazione dei farmacisti (costituita da eventi residenziali e corsi di formazione a distanza), già conclusa ad ottobre dello scorso anno);
2. una seconda parte, pratico-operativa, avviata dal 01/04/2019, relativa all’arruolamento dei pazienti e alle azioni messe in atto dal farmacista per migliorare l’aderenza alla terapia nei pazienti affetti da patologie croniche.

A fare da perno è il Fascicolo Sanitario Elettronico regionale (FSEr), che in Veneto è già operativo e integrato nel sistema informativo regionale: attraverso la ricetta dematerializzata e i dati provenienti dai medici, la piattaforma regionale individua automaticamente i pazienti che non rispettano prescrizioni e scadenze e li “etichetta” in pazienti “scarsamente aderenti” e pazienti “non aderenti” alla terapia, segnalandoli alle farmacie aderenti al progetto.
Le farmacie del territorio visualizzano la segnalazione sui loro gestionali e quando intercettano l’assistito gli propongono un percorso di “recupero” con presa in carico che si articola nelle seguenti attività a cura del farmacista:

  • la somministrazione di un questionario d’avvio per indagare le motivazioni della non assunzione della terapia e per esplorare gli eventuali problemi all’origine della mancata aderenza.
  • A seguire attività di counselling (per aiutare il paziente nella comprensione delle terapie prescritte, per verificare eventuali switch tra farmaci equivalenti sulla base dell’erogato, per istruire il paziente al corretto uso del device, per invitare il paziente a recarsi dal MMG per valutare accorgimenti che possono contribuire a migliorare ulteriormente l’aderenza (es. cambio terapia/posologia).
  • Contestuali azioni di comunicazione e informazione strutturata anche con il supporto di materiale cartaceo (ad es. sull’importanza di segnalare con sollecitudine al MMG eventuali reazioni avverse; sull’uso dei medicinali equivalenti e sullo switch; su stili di vita salutari ecc.).
  • Infine, controlli programmati a distanza di 6 -12 -18 mesi dall’arruolamento (Follow up) per verificare i progressi del paziente e valutare insieme con lo stesso l’andamento dell’aderenza alla terapia e le eventuali problematiche riscontrate, attivando eventuali azioni di rinforzo.

I risultati del progetto vengono misurati attraverso indicatori di performance e di esito.

INFORMAZIONI DI DETTAGLIO SUL PROGETTO SONO DISPONIBILI NEL SITO DELLA REGIONE DEL VENETO.

 

******************

 

Si ritiene utile riepilogare i termini delle attività previste dalla seconda fase (pratico-operativa) del progetto regionale per migliorare l’aderenza terapeutica dei pazienti affetti da patologia cronica.

PAZIENTI ARRUOLATI DAL 01/04/2019 AL 30/09/2019

Le farmacie devono completare il 2° follow up entro il 31/03/2020.

PAZIENTI ARRUOLATI DAL 01/10/2019 AL 31/03/2020 (IN PROROGA)

Le farmacie dovranno completare il 2° follow up entro il 30/09/2020.