Unire, Partecipare, Collaborare.
IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER OGNI FARMACISTA VENETO

LOGIN UTENTI

ULTIME NOTIZIE

01/06/2020

CORONAVIRUS. AL VIA IN VENETO L'INDAGINE DI SIEROPREVALENZA, COINVOLTI 10.500 CITTADINI. IMPORTANTE OBIETTIVO: SCOPRIRE QUANTI HANNO SVILUPPATO ANTICORPI IN ASSENZA DI SINTOMI.

> Dettagli

13/05/2020

Assessora Lanzarin audita in Quinta commissione. Diminuisce il numero di positivi e di ricoverati in terapia intensiva: ci sono le condizioni per riaprire tutto il 18 maggio.

> Dettagli

31/03/2020

CORONAVIRUS. PARTE IN VENETO LA SPERIMENTAZIONE CON I FARMACI A DOMICILIO DEI PAZIENTI. VIA LIBERA DI MANTOAN ALLE ULLSS

> Dettagli

30/03/2020

CORONAVIRUS. REGIONE VENETO VARA NUOVO PIANO PER PAZIENTI SINTOMATICI DA ASSISTERE A DOMICILIO E PER GLI ANZIANI NELLE CASE DI RIPOSO.

> Dettagli

> ARCHIVIO NOTIZIE

Logo Regione Veneto Logo Federfarma Italia Logo del Ministero della Salute Logo dell' Agenzia Italiana del Farmaco

> NOTIZIE > CORONAVIRUS. NUOVA ORGANIZZAZIONE SANITA' VENETO, SOSPESA ANCHE ATTIVITA' INTRAMOENIA NEGLI OSPEDALI MARZO-2020

13/03/2020
CORONAVIRUS. NUOVA ORGANIZZAZIONE SANITA' VENETO, SOSPESA ANCHE ATTIVITA' INTRAMOENIA NEGLI OSPEDALI

Nell’elenco delle nuove modalità operative per preservare i letti di terapia intensiva avviate in Veneto c’è anche l’attività intramoenia, prestazioni erogate al di fuori del normale orario di lavoro dai medici di un ospedale, i quali utilizzano le strutture ambulatoriali e diagnostiche dell'ospedale stesso, dietro pagamento.

Oltre all’attività libero professionale intramoenia, è stata anche disposta la sospensione di tutta l’attività di specialistica ambulatoriale delle strutture pubbliche e private accreditate (compreso ex art. 26 L. 833/1978) ad eccezione delle prestazioni prioritarizzate come U e B, garantendo, sia come prime visite specialistiche che di controllo, l’attività in ambito materno-infantile ed oncologico.

Ssarà cura di ogni struttura avvertire gli utenti programmati con altre priorità per riprogrammare l’appuntamento al termine dello stato di emergenza; ne deriva pertanto l’opportunità che i medici prescrivano le prestazioni con le priorità di cui sopra fermo restando comunque la possibilità di segnalare situazioni cliniche meritevoli di controlli ravvicinati.

(Comunicato stampa Regione del Veneto n. 392)