Unire, Partecipare, Collaborare.
IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER OGNI FARMACISTA VENETO

LOGIN UTENTI

ULTIME NOTIZIE

27/02/2019

SANITA'. ZAIA, "IN ARRIVO NOVITA' PER VISITE ED ESAMI DI SERA, AL SABATO E ALLA DOMENICA. PRIMI IN ITALIA, ORA SI CRESCE". NEL 2018 EROGATE 87.828 PRESTAZIONI.

> Dettagli

19/02/2019

SANITA'. OK CONSIGLIO VENETO A RIPARTO FONDI 2019-2020. LANZARIN, "FATTO LAVORO BUONO E TEMPESTIVO. 16,4 MILIARDI IN UN BIENNIO"

> Dettagli

14/02/2019

INFLUENZA. OTTAVO REPORT VENETO. PRIMA DISCESA DELL'INCIDENZA. FINORA 318.000 AMMALATI CON 11 DECESSI. LANZARIN, "PICCO ELEVATO OSPEDALI HANNO RETTO BENE"

> Dettagli

08/02/2019

INFLUENZA. FASE DI PICCO ANCHE IN VENETO. FINORA 255 MILA MALATI. 41 CASI GRAVI CON 9 DECESSI. DIFFUSO IL VII REPORT. LANZARIN "OSPEDALI E TERRITORIO HANNO RETTO BENE L'URTO"

> Dettagli

> ARCHIVIO NOTIZIE

Logo Regione Veneto Logo Federfarma Italia Logo del Ministero della Salute Logo dell' Agenzia Italiana del Farmaco

> NOTIZIE > SANITA'. ZAIA, "IN ARRIVO NOVITA' PER VISITE ED ESAMI DI SERA, AL SABATO E ALLA DOMENICA. PRIMI IN ITALIA, ORA SI CRESCE". NEL 2018 EROGATE 87.828 PRESTAZIONI. FEBBRAIO-2019

27/02/2019
SANITA'. ZAIA, "IN ARRIVO NOVITA' PER VISITE ED ESAMI DI SERA, AL SABATO E ALLA DOMENICA. PRIMI IN ITALIA, ORA SI CRESCE". NEL 2018 EROGATE 87.828 PRESTAZIONI.

Nel 2018, 87.828 cittadini veneti hanno scelto di usufruire di una prestazione sanitaria negli orari serali e nei giorni prefestivi e festivi. Si tratta dell’offerta, unica in Italia, avviata dalla Regione Veneto e denominata “Ospedali aperti di notte”, che amplia gli orari delle prestazioni negli ospedali.

La cifra, inedita, fa da sfondo all’annuncio, dato dal Presidente della Regione Luca Zaia, di “un’evoluzione di questa operazione, con una nuova programmazione, ancora più innovativa e performante, che vareremo entro qualche settimana”.

“Il Veneto – ricorda Zaia – è stata la prima Regione d’Italia a lanciare questa nuova offerta, ed è l’unica a farlo in maniera organica in tutte le sue strutture sanitarie. La gente ha dimostrato di gradire, e ora, siccome in sanità chi sta fermo in realtà arretra e lungi da noi l’idea di stare fermi, abbiamo deciso di fare nuovi passi avanti, apportando miglioramenti e novità a questa strategia. Puntiamo ad andare incontro al cittadino sempre di più anche da punto di vista logistico, oltre che da quello, fondamentale, delle liste d’attesa. Raggiungere un ospedale nei giorni prefestivi e festivi e nelle ore serali è, infatti, molto più comodo, evita perdite di tempo nel percorso e nella ricerca dei parcheggi, agevola le persone che non devono chiedere permessi di lavoro, aiuta le famiglie che possono conciliare i loro impegni quotidiani con la necessità di accompagnare un anziano o un disabile a ricevere una prestazione”.

Delle 87.828 prestazioni erogate nel 2018, 48.225 sono state richieste in giorno prefestivo, 25.493 in orario serale, 14.110 in un giorno festivo.

 

(Comunicato stampa Regione Veneto n. 303 del 27/02/2019)