Unire, Partecipare, Collaborare.
IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER OGNI FARMACISTA VENETO

LOGIN UTENTI

ULTIME NOTIZIE

07/09/2021

SANITA'. MONITORAGGIO SUI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA. PRESIDENTE REGIONE, "ORGOGLIO PER IL VENETO AL TOP. ARRIVARE IN ALTO E' DIFFICILE, RESTARCI ANCORA DI PIU' "

> Dettagli

01/07/2021

COVID 19. AVVIATA DA OGGI IN VENETO LA VACCINAZIONE NELLE FARMACIE. ASSESSORE LANZARIN, "ULTERIORE E IMPORTANTE PASSO VERSO L'ATTUAZIONE DELLA FARMACIA DEI SERVIZI"

> Dettagli

28/04/2021

COVID. OK REGIONE VENETO A PROTOCOLLO PER VACCINAZIONI IN FARMACIA. SI POTRANNO INOCULARE 381.000 DOSI

> Dettagli

25/04/2021

LETTERA AI VENETI DEL PRESIDENTE ZAIA IN VISTA DELL'APPLICAZIONE DELLE NUOVE REGOLE RISPETTO AL COVID-19

> Dettagli

> ARCHIVIO NOTIZIE

Logo Regione Veneto Logo Federfarma Italia Logo del Ministero della Salute Logo dell' Agenzia Italiana del Farmaco

> COMUNICATI STAMPA > OLTRE 27.700 LE VACCINAZIONI GIÀ EFFETTUATE NELLE FARMACIE VENETE SETTEMBRE-2021

08/09/2021
OLTRE 27.700 LE VACCINAZIONI GIÀ EFFETTUATE NELLE FARMACIE VENETE

Numeri importanti per la campagna che ha coinvolto fino a oggi 242 farmacie venete.

Il presidente di Federfarma Veneto Andrea Bellon: «Un riconoscimento per
il grande impegno messo in campo. Richieste nuovamente in crescita dall’inizio di settembre
»

 

Sono numeri importanti quelli che descrivono il coinvolgimento delle farmacie nella campagna di vaccinazione anti-Covid: ad oggi, infatti, sono oltre 27.700 le dosi somministrate nelle 242 farmacie di tutto il Veneto che hanno aderito alla campagna.

Una campagna, quella nelle farmacie, che ha saputo intercettare in modo trasversale un po’ tutte le fasce di età, a partire dai giovani: ad oggi infatti hanno scelto di vaccinarsi in farmacia 7.554 trentenni e 6.553 ventenni. E poi ben 5.828 cittadini tra i 40 e i 49 anni e 4.484 tra i 50 e i 59 anni. Ma i farmacisti hanno saputo conquistare la fiducia anche di molti genitori di adolescenti (ben 1.737 le vaccinazioni su utenti tra i 12 e i 19 anni), così come di tanti sessantenni (1.278) che per qualche motivo avevano tentennato sulla vaccinazione quando era stata inizialmente offerta alla loro classe di età. Un’opera di persuasione a maggior ragione importante nel caso dei 345 over 70 che hanno scelto di vaccinarsi in farmacia.

«Credo che questi numeri - sottolinea il dott. Andrea Bellon, presidente di Federfarma Veneto - siano un riconoscimento del grande impegno messo in campo dalle farmacie per sostenere la campagna di vaccinazione. Un impegno che è organizzativo, ma anche e soprattutto di relazione con il cittadino, per avviare un dialogo con molti utenti che pur non essendo certamente dei no vax , di fronte alla vaccinazione avevano e hanno dei dubbi, che il farmacista di fiducia può contribuire a chiarire. Importante è stato il ruolo delle farmacie anche nella vaccinazione dei giovani, soprattutto all’inizio della campagna quando molti non trovavano posto nei Centri di Vaccinazione di Popolazione, così come per il “recupero” degli over 60, che sappiamo essere la fascia di popolazione potenzialmente più a rischio».

Per quanto riguarda la distribuzione territoriale, al primo posto per numero di vaccinazioni effettuate nelle farmacie troviamo la provincia di Venezia con 6.514 somministrazioni effettuate al 5 settembre, seguita da quelle di Padova (6.086) e Verona (5.766); seguono Treviso (2.957), Rovigo (2.942), Vicenza (2.835) e Belluno (679).

Il tutto senza dimenticare naturalmente le altre attività svolte dalle farmacie in questo delicato momento: «La campagna di vaccinazione nelle farmacie proseguirà con il massimo sforzo da parte nostra per informare e sensibilizzare i cittadini, cercando di convincere gli indecisi - sottolinea Bellon -: a questo riguardo stiamo registrando con soddisfazione un incremento delle richieste del vaccino, dopo che molti cittadini sono rientrati dalle ferie. Allo stesso tempo però è giusto sottolineare anche la grande pressione che in questi giorni sta gravando sulle farmacie per l’incremento della domanda di tamponi da quando sono entrare in vigore le regole sul green pass, e ci aspettiamo che questa richiesta possa aumentare ancora in coincidenza con l’inizio dell’anno scolastico. Tutto questo, è bene sottolinearlo, senza venir meno alla nostra missione tradizionale, dunque rimanendo punto di riferimento del cittadino per la distribuzione dei farmaci, per consigli di salute e anche per molti esami, che oggi sempre più spesso si fanno direttamente nella farmacia vicino a casa. Gestire questa domanda rappresenta una grande sfida anche dal punto di vista logistico e organizzativo, ma le farmacie venete stanno dimostrando di riuscirci e di essere davvero una risorsa sempre più importante per il sistema sanitario regionale».