Unire, Partecipare, Collaborare.
IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER OGNI FARMACISTA VENETO

LOGIN UTENTI

ULTIME NOTIZIE

12/11/2021

COVID. VENETO. RAPPORTI AGGIORNATI SU VACCINAZIONI E CASI-RICOVERI. ZAIA, "SIAMO ANCORA IN PANDEMIA, NON ABBASSARE LA GUARDIA. SIAMO ANCORA LONTANI DALLA ZONA GIALLA, MA SENZA VACCINI E RISPETTO DELLE REGOLE NON LA POSSIAMO ESCLUDERE IN FUTURO".

> Dettagli

07/09/2021

SANITA'. MONITORAGGIO SUI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA. PRESIDENTE REGIONE, "ORGOGLIO PER IL VENETO AL TOP. ARRIVARE IN ALTO E' DIFFICILE, RESTARCI ANCORA DI PIU' "

> Dettagli

01/07/2021

COVID 19. AVVIATA DA OGGI IN VENETO LA VACCINAZIONE NELLE FARMACIE. ASSESSORE LANZARIN, "ULTERIORE E IMPORTANTE PASSO VERSO L'ATTUAZIONE DELLA FARMACIA DEI SERVIZI"

> Dettagli

28/04/2021

COVID. OK REGIONE VENETO A PROTOCOLLO PER VACCINAZIONI IN FARMACIA. SI POTRANNO INOCULARE 381.000 DOSI

> Dettagli

> ARCHIVIO NOTIZIE

Logo Regione Veneto Logo Federfarma Italia Logo del Ministero della Salute Logo dell' Agenzia Italiana del Farmaco

> COMUNICATI STAMPA > PROTOCOLLO D'INTESA TRA FEDERFARMA VENETO E ANPIF (ASSOCIAZIONE NAZIONALE PSICOLOGI IN FARMACIA) CONTENENTE LE OTTOBRE-2018

29/10/2018
PROTOCOLLO D'INTESA TRA FEDERFARMA VENETO E ANPIF (ASSOCIAZIONE NAZIONALE PSICOLOGI IN FARMACIA) CONTENENTE LE

Il presidente di Federfarma Veneto Fontanesi: “un accordo che conferma sempre più il nostro ruolo di farmacia dei servizi”

Il Presidente di Federfarma Veneto, Alberto Fontanesi, commenta con soddisfazione la firma dell’intesa: “con questo accordo i cittadini potranno trovare nelle farmacie uno psicologo pronto ad aiutarli e supportarli. Si tratta di un ulteriore servizio che offriamo ai cittadini ed alle comunità. È la conferma che sempre più stiamo andando verso quella farmacia dei servizi che è un nostro obiettivo”.

Presidenti Federfarma Veneto e ANPIF

Nello specifico, il servizio di “Psicologia della salute in Farmacia” si propone di offrire ai cittadini che fruiscono delle farmacie interventi di prevenzione, analisi della domanda, prima consulenza e orientamento alla persona in relazione ai possibili percorsi esperibili in caso di sofferenza e disagio psicologico.

Il contributo dello psicologo aderente all’iniziativa consisterà nella messa a disposizione della propria professionalità tramite una consulenza di sostegno psicologico da svolgersi all’interno della farmacia aderente all’iniziativa, nei confronti dei pazienti interessati al servizio. Lo psicologo, inoltre, partecipa alla sensibilizzazione per la psicologia della salute e rafforza la percezione del benessere psicofisico.

Federfarma Veneto ed Anpif, come si legge nel protocollo, concordano sull’opportunità che l’attività dello psicologo all’interno della farmacia si limiti all’analisi della domanda espressa dal paziente ed all’iniziale consulto psicologico dello stesso e all’organizzazione di momenti di psico – educazione in gruppo su temi presenti e sensibili sul territorio e per la comunità. Le parti, inoltre, stabiliscono che l’intervento dello psicologo all’interno della farmacia nei confronti del medesimo utente non si potrà tramutare nell’espletamento di attività professionale continuativa e duratura. In caso di necessità, lo psicologo consiglierà il paziente in merito ai possibili ulteriori percorsi esperibili.

“Dopo tanti anni di lavoro sul campo – aggiunge la presidente dell’Anpif nazionale, Fiorella Palombo Ferretti – e di impegno costante per la promozione della salute psicologica in farmacia sono soddisfatta di questo accordo che consentirà agli psicologi di trovare uno spazio di presenza sul territorio a contatto diretto con le persone e di sperimentare nuove metodologie di lavoro integrato ed interprofessionale in sinergia con il farmacista. E le persone potranno affidarsi ad un professionista del settore, associato ad Anpif, preparato per lavorare nell’ambito della farmacia. “Senza salute mentale la salute non è possibile” come dice l’Organizzazione Mondiale della Salute”.

“Sono certo che questa collaborazione – conclude Fontanesi - darà risultati importanti e offriremo un primo presidio per gli utenti delle farmacie che hanno bisogno di un primo supporto o necessitano di una consulenza psicologica. È un servizio che può aiutare ad intervenire tempestivamente su casi che rischierebbero di aggravarsi. Il Veneto si conferma laboratorio e allo stesso tempo con i servizi offerti possiamo far risparmiare il sistema sanitario regionale”.