Unire, Partecipare, Collaborare.
IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER OGNI FARMACISTA VENETO

LOGIN UTENTI

ULTIME NOTIZIE

12/11/2021

COVID. VENETO. RAPPORTI AGGIORNATI SU VACCINAZIONI E CASI-RICOVERI. ZAIA, "SIAMO ANCORA IN PANDEMIA, NON ABBASSARE LA GUARDIA. SIAMO ANCORA LONTANI DALLA ZONA GIALLA, MA SENZA VACCINI E RISPETTO DELLE REGOLE NON LA POSSIAMO ESCLUDERE IN FUTURO".

> Dettagli

07/09/2021

SANITA'. MONITORAGGIO SUI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA. PRESIDENTE REGIONE, "ORGOGLIO PER IL VENETO AL TOP. ARRIVARE IN ALTO E' DIFFICILE, RESTARCI ANCORA DI PIU' "

> Dettagli

01/07/2021

COVID 19. AVVIATA DA OGGI IN VENETO LA VACCINAZIONE NELLE FARMACIE. ASSESSORE LANZARIN, "ULTERIORE E IMPORTANTE PASSO VERSO L'ATTUAZIONE DELLA FARMACIA DEI SERVIZI"

> Dettagli

28/04/2021

COVID. OK REGIONE VENETO A PROTOCOLLO PER VACCINAZIONI IN FARMACIA. SI POTRANNO INOCULARE 381.000 DOSI

> Dettagli

> ARCHIVIO NOTIZIE

Logo Regione Veneto Logo Federfarma Italia Logo del Ministero della Salute Logo dell' Agenzia Italiana del Farmaco

> COMUNICATI STAMPA > RICETTA ELETTRONICA - FEDERFARMA VENETO: "SUPERIAMO CRITICITA'" GENNAIO-2014

08/01/2014
RICETTA ELETTRONICA - FEDERFARMA VENETO: "SUPERIAMO CRITICITA'"

Si terrà questa sera un tavolo tecnico tra l’assemblea di Federfarma Veneto e gli esperti di Arsenal, il Centro veneto ricerca innovazione per la sanità digitale, per fare il punto sulla ricetta elettronica e la sua applicazione nelle farmacie territoriali. A termine della fase sperimentale, la ricetta elettronica diventerà a breve operativa in tutte le sette province e produrrà oltre a notevoli agevolazioni per i cittadini, un forte risparmio per la sanità pubblica, si stima addirittura del 30% (Fonte ANORC, Associazione Nazionale per Operatori e Responsabili della Conservazione Digitale), grazie anche all’eliminazione della ricetta cartacea, nonché uno sveltimento delle pratiche burocratiche, una riduzione degli errori e un maggior controllo dei costi.

«Da parte delle farmacie venete c’è la massima disponibilità nel venire incontro alle necessità dei cittadini, ottemperando a quello che è un obbligo di legge, ovvero l’operatività della ricetta elettronica entro il 2014 – dice Alberto Fontanesi, presidente di Federfarma Veneto, l’Unione dei titolari di farmacia -. Esistono, però delle criticità che sono state già poste all’attenzione dei massimi vertici della Sanità veneta e che auspichiamo vengano superate, come quella che grava sulle piccole e preziose farmacie in zone isolate e non ancora raggiunte dall’ADSL. Speriamo che la Regione Veneto si attivi per coprire le notevoli spese di copertura telefonica, altrimenti a carico di queste farmacie che presentano già adesso ridotte capacità economiche proprio a causa della loro ubicazione. L’obiettivo è quello di offrire a tutti i pazienti veneti, indistintamente, il fondamentale servizio della ricetta elettronica, senza creare cittadini di serie A e B».