Unire, Partecipare, Collaborare.
IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER OGNI FARMACISTA VENETO

LOGIN UTENTI

ULTIME NOTIZIE

20/03/2014

Consiglio approva bilancio e finanziaria 2014.

> Dettagli

12/03/2014

SANITA': GIUNTA VENETA APPROVA RIPARTO PROVVISORIO FSR 2014

> Dettagli

11/03/2014

AVASTIN/LUCENTIS: VENETO DECIDE AZIONE RISARCITORIA CONTRO AZIENDE FARMACEUTICHE. ZAIA, "UN DANNO DI 15,2 MILIONI DI EURO DAL 2010 AL 2013"

> Dettagli

11/03/2014

FARMACEUTICA IN VENETO CALA SPESA E AUMENTANO RICETTE. COLETTO: "SEGNALE EVIDENTE DI APPROPRIATEZZA SENZA TAGLI"

> Dettagli

> ARCHIVIO NOTIZIE

Logo Regione Veneto Logo Federfarma Italia Logo del Ministero della Salute Logo dell' Agenzia Italiana del Farmaco

FARMACEUTICA IN VENETO CALA SPESA E AUMENTANO RICETTE. COLETTO: "SEGNALE EVIDENTE DI APPROPRIATEZZA SENZA TAGLI"

Nel 2013 la spesa farmaceutica in Veneto è scesa di 16 milioni 349 mila 014 euro, pari al 2,9%, passando dai 566 milioni 734 mila 047 euro del 2012 ai 550 milioni 385 mila 032 euro del 2013.
Lo rende noto l’assessore regionale alla sanità Luca Coletto sulla base del monitoraggio della spesa farmaceutica regionale per il periodo gennaio-novembre 2013.
Aumentato del 2% il numero delle ricette emesse, che nel 2013 sono state 37 milioni 601 mila 027 contro 36 milioni 852 mila 416 del 2012.
“ I due dati combinati – sottolinea Coletto – sono estremamente positivi: il sensibile calo della spesa accompagnato dall’aumento delle ricette è infatti la dimostrazione nei fatti che è fortemente aumentata l’appropriatezza delle prescrizioni, senza che ai pazienti sia stata tolta la benché minima possibilità di cura”.
“E’ un risultato di squadra – aggiunge Coletto – per il quale ringrazio tutta la filiera, dai medici di base ai farmacisti”.
“Mi auguro che- conclude Coletto – con l’introduzione dei costi standard in tutto il Paese, l’appropriatezza diventi non più un’eccellenza veneta, ma un modus operandi diffuso da nord a sud, perché usando correttamente il denaro pubblico destinato alla sanità come qui da noi, si otterrebbero risparmi di miliardi senza doversi sempre affidare ai tagli orizzontali nazionali attraverso i quali, inevitabilmente, i virtuosi finiscono per mantenere gli spreconi”.
(Comunicato stampa Regione del Veneto N° 603 del 11/03/2014)

> Scrivi al Presidente di Federfarma Veneto