Unire, Partecipare, Collaborare.
IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER OGNI FARMACISTA VENETO

LOGIN UTENTI

ULTIME NOTIZIE

04/07/2019

DAL 1 GENNAIO 2020 ABOLITO IN VENETO IL SUPERTICKET NAZIONALE A TUTTI I CITTADINI CON MENO DI 29 MILA EURO DI REDDITO. ZAIA, "GLI UNICI TAGLI CHE FACCIAMO E CHE CI PIACCIONO".

> Dettagli

27/06/2019

SANITA'. LANZARIN, "ATTIVO SU TUTTO IL VENETO IL PIANO CALDO DELLA REGIONE. FITTA RETE DI ASSISTENZA OSPEDALIERA E TERRITORIALE PENSATA PER LE PERSONE DEBOLI". OGGI ALLARME ROSSO OVUNQUE.

> Dettagli

19/06/2019

FARMACI. LANZARIN SU CARENZA SINEMET. "PROBLEMA TECNICO DEL PRODUTTORE. REGIONI NON POSSONO ADOTTARE ATTI. DEVE ESSERE LO STATO. L'AIFA HA GIA' BLOCCATO L'ESPORTAZIONE"

> Dettagli

13/06/2019

DIRIGENTE VENETA PRESIDENTE DEL COMITATO PREZZI DELL'AIFA. ZAIA: "AFFERMAZIONE DELLA NOSTRA SANITA' E CONFERMA DEL LIVELLO DEI NOSTRI PROFESSIONISTI"

> Dettagli

> ARCHIVIO NOTIZIE

Logo Regione Veneto Logo Federfarma Italia Logo del Ministero della Salute Logo dell' Agenzia Italiana del Farmaco

CARENZA FARMACO, IL PRESIDENTE DI FEDERFARMA VENETO ALBERTO FONTANESI: LA RESPONSABILITÀ NON È DELLE FARMACIE. PER RISOLVERE IL PROBLEMA SERVE INTERVENTO A LIVELLO EUROPEO.

Il presidente di Federfarma Veneto, Alberto Fontanesi, interviene sulla carenza di farmaci che è un problema diffuso, ma che in questi giorni ha coinvolto in particolare la zona di vicenza: “è un problema che non va sottovalutato ed a cui prestare estrema attenzione perché impatta da vicino sulla salute dei cittadini ed anche naturalmente sulla farmacie. Ci tengo, però, a chiarire che i farmacisti e la farmacie non hanno nessuna responsabilità e soprattutto alcun potere per risolvere questa situazione. Si tratta di un problema che si trascina da anni e che come associazione abbiamo sottolineato più volte va risolto a livello europeo”.

“La Regione come sempre è stata puntuale e presente nei controlli e nelle opportune segnalazioni al Ministero della Salute. Si è mossa con tempestività, ma serve una soluzione a livello europeo per evitare il ripetersi di determinate situazioni. In questi anni molti governi hanno cercato di risolvere la questione, ma senza riuscirci come testimoniano episodi come quello del vicentino che è solo l’ultimo di una lunga serie. Oggi ogni Paese ha il suo regolamento e di conseguenza si creano situazione disomogenee che vanno ad impattare direttamente sui cittadini. Per Federfarma Veneto, quindi, è prioritario intervenire a livello europeo aumentando l'efficienza e l'efficacia delle pratiche comuni di notifica e della valutazione delle carenze con l’obiettivo di permettere ai farmacisti di ridurre l'impatto delle carenze sui pazienti come sostenuto dal PGEU (Gruppo farmaceutico dell’Unione europea)”.

“La carenza di farmaci è causata anche dal  fenomeno delle esportazioni parallele di farmaci. Si tratta di un meccanismo che fa sì che i medicinali di basso prezzo vengano esportati in Paesi dove i prezzi sono più alti, rendendo irreperibili nelle farmacie italiane farmaci importanti e spesso anche salvavita. Di recente anche su volontà di Federfama nazionale è stato approvato un emendamento che prevede che l’Aifa, dandone previa notizia al ministero della Salute, possa bloccare temporaneamente le esportazioni di farmaci nel caso in cui ciò si renda necessario per prevenire o limitare stati di carenza o indisponibilità nelle farmacie. Anche qui però a livello europeo si può intervenire con la determinazione di un prezzo unico dei farmaci in modo tale da eliminare definitivamente questo fenomeno periocoloso”.

“Siamo molto preoccupati per il ripetersi di episodi della carenza di farmaci che creano grave disagi ai cittadini, ma anche un incremento del lavoro delle farmacie che cercano di ovviare al problema proponendo il farmaco di un’altra azienda produttrice in concerto naturalmente con il medico curante. I cittadini, come spesso accade, quindi, fanno riferimento al farmacista per risolvere il problema della carenza di farmaci perché ci considerano il primo presidio sanitario sul territorio.  Questo purtroppo non riesce ad eliminare completamente la carenza. Per questo auspichiamo al più presto un intervento del legislatore europeo per risolvere una situazione che mette in difficoltà i pazienti”.

> Scrivi al Presidente di Federfarma Veneto